//
           

 

Protagonisti

Quando si presentano a un cliente le armi e le strategie per difendersi da attacchi e si spiega come comportarsi in caso di incidente, si parla sempre di soluzioni, servizi e tecnologie. 

Per continuare a competere in un mondo sempre più dominato dalle nuove tecnologie e dai social network, oggi, i retailer sono chiamati a superare un approccio multicanale e ad affrontare la rivoluzione omnicanale. La digital transformation ha, infatti, modificato radicalmente stili di vita e dinamiche delle esperienze di acquisto. I punti vendita, quindi, devono trovare strategie inedite per instaurare una relazione di valore con il cliente in un rapporto win-win. 

Il continuo e progressivo sviluppo delle tecnologie digitali e, in particolare, degli apparati wireless che, per funzionare, utilizzano onde radio, ha generato una sempre più viva e costante attenzione al fenomeno dell’elettrosmog, ossia l’inquinamento elettromagnetico. Tale sensibilizzazione è ancora più evidente quando si parla di tecnologie presenti nell’ambiente di lavoro. 

Da diverso tempo, Michael Feindt, fisico, data scientist, docente e fondatore di Blue Yonder, società pioniera nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale e, ora, parte di JDA Software, studia come sviluppare e ottimizzare gli algoritmi che danno vita alle tecnologie cognitive: si tratta di potenti strumenti utili non soltanto per offrire vantaggi alle aziende, ma anche per migliorare il mondo in cui viviamo.

L’evoluzione del largo consumo è sempre più orientata verso la sostenibilità e i retailer sono all’opera per individuare soluzioni e mezzi, anche tecnologici, per coinvolgere il consumatore che, ormai, è digitale. In tale contesto, l’e-commerce ha assunto un ruolo di affiancamento del punto vendita fisico, con una connotazione sorprendentemente rivolta al sostenibile. 

On line è meglio pagare in contanti”, parte da questa provocazione Paolo Frizzi, CEO di Libraesva, società specializzata nella fornitura di soluzioni avanzate di e-mail security, per innalzare il livello di attenzione di consumatori e aziende nei confronti dei rischi informatici collegati agli acquisti on line.

Pagina 1 di 22