Supply Chain

NeRa è il nuovo pallet presentato da Tosca, un modello in plastica inseribile, sormontabile su rack e impilabile per impieghi gravosi, progettato per superare le prestazioni del legno.

Gruppo Fedrigoni, titolare dello storico brand per la fabbricazione dei fogli da disegno Fabriano, si affida a Jaggaer per avviare un processo di trasformazione digitale nella gestione dei fornitori e, soprattutto, nel monitoraggio e razionalizzazione delle procedure legate alle attività di acquisto.



Con l’ingresso nel 2018 del fondo statunitense Bain Capital, difatti, le dimensioni dell’azienda leader nei materiali autoadesivi e nella produzione e vendita di carte per packaging, stampa e grafica sono ulteriormente cresciute, e, in parallelo, anche la mole di lavoro a livello gestionale.



Il progetto di trasformazione, da compiersi attraverso l’adozione della piattaforma collaborativa JAGGAER ONE, è per lo più finalizzato a definire e garantire una governance strutturata in tre principali ambiti, di cui il primo riguarda l’evoluzione della relazione con i fornitori del Gruppo, al fine di rendere più fluido il flusso di raccolta, condivisione e valutazione di tutte le proposte e i progetti di innovazione ricevuti. Il secondo ambito prevede invece la definizione di un processo strutturato, oltre che di parametri e asset di valutazione e qualificazione dei fornitori, che sia valido per tutte le sedi e le società del Gruppo, indipendentemente dalla localizzazione geografica. Il terzo ambito, infine, intende migliorare la gestione delle richieste di acquisto e dei relativi processi approvativi attraverso l’implementazione di un catalogo elettronico, in integrazione con i diversi ERP e sistemi informatici del Gruppo.

A questo proposito, la soluzione sviluppata da Jaggaer permette innanzitutto l’integrazione completa tra le informazioni e i documenti messi a disposizione dai fornitori e i dati provenienti da Info Provider: i dati pervenuti contribuiscono poi a definire un rating per ciascun fornitore, accessibile alle funzioni acquisti tramite un cruscotto di intuitiva e facile valutazione anche grazie alla restituzione grafica delle informazioni. Attraverso l’adozione di un catalogo elettronico, invece, i diversi dipartimenti aziendali avranno accesso a prodotti pre-selezionati e pre-negoziati, da acquistare attraverso un processo facile ed intuitivo, che garantirà all’azienda controllo e indirizzamento della spesa.

“JAGGAER si è rivelato il partner ideale con cui intraprendere un percorso di trasformazione digitale nella gestione degli acquisti in linea con la nostra espansione a livello internazionale e le nostre esigenze di business, in termini di qualità e quantità” ha dichiarato Vitaliano Vantini, Responsabile Acquisti del Gruppo Fedrigoni. “Fin da subito l’azienda ha compreso la nostra necessità di definire processi omogenei, fluidi, garantendo al contempo la trasparenza di processo e la tracciabilità indispensabili per una realtà come la nostra, creando un’intesa piena”.

“Siamo lieti di poter accompagnare nel percorso di trasformazione digitale del procurement una realtà storica e così importante come Gruppo Fedrigoni, che ha portato la qualità della manifattura Made in Italy e l’esperienza della lavorazione nella carta in tutto il mondo” ha dichiarato Matteo Ambrosioni, Account Director di Jaggaer Italia. “E’ una nuova sfida per noi e per la nostra tecnologia, che ha tutti gli atout e la flessibilità per incontrare le esigenze dell’azienda, attuali e future”.

Joinfruit sperimenta nuovi modelli di vendita e nuovi strumenti alternativi alla commercializzazione e promozione di suoi prodotti, e sceglie gli smart locker refrigerati di Ricoh per raggiungere in modo semplice e diretto i suoi consumatori.

TYPICA, la  piattaforma online fondata da Ayane Yamada e Masashi Goto arriva in Italia, e permetterà ai produttori e ai torrefattori italiani di commerciare direttamente il caffè, a partire da una singola unità corrispondente ad un sacco di juta.

Identificare l’impatto ambientale di un servizio logistico in tutte le fasi del suo ciclo di vita, al fine di proporre delle aree di miglioramento. È quanto si propone il nuovo approccio “eco-design” adottato da GEODIS, convalidato anche dall'associazione francese per il miglioramento e la gestione della qualità (AFAQ).

I consumatori italiani preferiscono i prodotti di provenienza etica e sostenibile. È quanto emerge da una ricerca condotta da 3Gem nel corso del mese di aprile 2021 per conto di OpenText, su un campione complessivo di 27.000 utenti di Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Italia, USA, Canada, Brasile, Giappone, India, Australia e Singapore.

Pagina 3 di 28