Axerve lancia il nuovo metodo di pagamento Axerve Pay By Link

Axerve lancia il nuovo metodo di pagamento Axerve Pay By Link

Vota questo articolo
(0 Voti)

Axerve introduce il nuovo metodo di pagamento Axerve Pay by Link, appositamente dedicato ai piccoli e medi commercianti e, di recente, messo a disposizione anche da Banca Sella ai propri clienti. 

La solution è l’evoluzione del prodotto Pay By Link che, lanciato nella sua prima versione, nel 2019, soltanto per l’e-commerce, ora, amplia i propri vantaggi al canale fisico, offrendo anche ai piccoli esercenti e alle catene retail l’opportunità di far pagare i clienti tramite un link da inviare via e-mail al momento dell’acquisto o attraverso la scansione di un QR Code senza la necessità di avere un e-commerce attivo.

Entrambi i metodi sono generati dalla dashboard myStore, l’interfaccia di Axerve per i merchant. Il dettagliante, entrando da qualunque dispositivo nell’interfaccia web di myStore con le sue credenziali, dovrà unicamente inserire l’indirizzo e-mail del cliente, l’importo e un riferimento o causale dell’acquisto. Per ogni transazione, si potrà scegliere di generare un link di pagamento da inviare via e-mail o un QR Code da mostrare al cliente, entrambi validi per 48 ore.

In seguito, il cliente accederà alla schermata di pagamento nella quale inserirà i dati della rispettiva carta di credito esattamente come avviene in un normale acquisto e-commerce. Rinnovato per le realtà commerciali di piccole e medie dimensioni, Axerve Pay by Link è adatto anche al canale fisico di grandi brand: in particolare, tra i primi ad averlo già integrato è stato il Gruppo Miroglio e per oltre 500 store.

Alessandro Bocca CEO di Axerve

Alessandro Bocca, CEO di Axerve, dichiara: “Con questa evoluzione di Axerve Pay by Link, vogliamo dare a qualunque esercente la possibilità di stare al passo con le nuove modalità di vendita in cui il canale digitale si inserisce anche nel fisico, offrendo al cliente finale un’esperienza di acquisto più rapida, fluida e sicura anche in negozio e, allo stesso tempo, offrendo al merchant la possibilità di avvicinarsi alle sempre più consolidate abitudini di acquisto derivanti dalla crescita dell’e-commerce, senza bisogno di sostenere gli sforzi per averne uno”.