Ceetrus Nhood organizza i test Covid anche agli ingressi del centro commerciale Casetta Mattei di Roma

Ceetrus Nhood organizza i test Covid anche agli ingressi del centro commerciale Casetta Mattei di Roma

Pubblicato in Case History 07 Giugno 2021

Ceetrus Nhood estende il servizio per effettuare i test rapidi per il Covid 19 anche presso il centro commerciale Casetta Mattei di Roma.  

Coerentemente con la nuova mission aziendale consistente nell’essere al servizio sia dei cittadini che delle comunità locali adiacenti agli shopping center gestiti, Ceetrus Nhood lancia un servizio per fare il tampone antigenico rapido vicino agli ingressi di Via dei Sampieri n. 92 del centro commerciale, grazie all’accordo siglato con Coop OSA Operatori Sanitari Associati – Sicurjob/Sicurmedicalcenter.  

Il servizio sarà effettuato 7 giorni su 7 dalle 9 fino alle 20 nei pressi degli ingressi del centro commerciale romano e i risultati del tampone verranno rilasciati dopo appena 15 minutiSe il tampone dovesse risultare positivo, sarà possibile effettuare anche quello molecolare. Inoltre, è possibile prenotare il tampone on line all’indirizzo Covid.Sicurjob.it e pagare on line oppure direttamente presso la struttura. 

L’apertura del servizio presso il centro commerciale Casetta Mattei, a Roma, va ad aggiungersi a quelli precedentemente attivati nei centri del Lazio Roma Collatina, nei 4 centri commerciali in Sardegna, a Milano all’interno della Smart Clinic - Gruppo San Donato - presso il centro commerciale Porte di Milano (Cesano Boscone), a Vimodrone, Rescaldina e San Giuliano Milanese. Fino ad oggi, in tali centri, sono già stati effettuati più di 35mila screening

Marco Balducci Amministratore Delegato di Ceetrus Nhood

Marco Balducci, Amministratore Delegato di Ceetrus Nhood, dichiara: “Questa importante operazione è estremamente coerente con la nostra mission aziendale. Vogliamo che i nostri asset non siano solo luoghi di commercio, ma anche spazi di vita al servizio del cittadino. In una situazione di grande difficoltà come quella provocata dal Covid, abbiamo capito che possiamo, dobbiamo e vogliamo essere in prima linea e dare il nostro contributo attivo. Lo facciamo mettendo a disposizione i nostri centri per rendere più facile e fruibile ai cittadini lo screening sul Covid e fornire un supporto all’attività della sanità pubblica”. 

Poi, Balducci aggiunge: “Abbiamo, quindi, voluto dare un nostro contributo tempestivo e concreto, così come abbiamo fatto nei primi mesi della pandemia ristrutturando e donando un reparto permanente di terapia intensiva all’Ospedale Sacco di Milano, dando ai cittadini la possibilità di usufruire di un servizio semplice, efficace e sicuro. In questo contesto, è stato di fondamentale importanza muoversi velocemente e poter contare sulla collaborazione di partner affidabili”.