Digital payments: l’App Hype pronta per il “Cashback di Stato”

Digital payments: l’App Hype pronta per il “Cashback di Stato”

Shopping Experience Sabato, 05 Dicembre 2020 21:16

Con l’attivazione del Piano Italia Cashless del Governo, diretto a incentivare i digital payments, l’8 Dicembre, partirà anche il “Cashback di Stato” che consentirà di ottenere un rimborso del 10% (fino a 300 euro all’anno, 150 euro a semestre) sugli acquisti effettuati tramite moneta elettronica presso i punti vendita fisici. 

Hype, la solution digitale rivolta a una gestione quotidiana agevole ed efficiente del denaro e che annovera già più di 1 milione e 300mila utenti, è tra gli strumenti che, a partire dai prossimi giorni, consentiranno di accedere ai rimborsi collegando la propria carta direttamente dall’App Hype, in modo semplice e immediato, senza dover scaricare nessun’altra applicazione o richiedere lo SPID.

Hype, già dal 2015, permette ai propri clienti di ottenere un rimborso fino al 15% sugli acquisti effettuati on line presso un cospicuo numero di partner selezionati (più di 900, inclusi Booking.com, Yoox e Unieuro). Nei prossimi giorni, Hype provvederà a implementare anche la sezione “Cashback di Stato” riservata a tutti gli utenti maggiorenni. Tramite pochi e semplici passaggi, potranno essere collegati all’iniziativa la carta Hype e il corrispondente IBAN, rendendo possibile tenere traccia delle transazioni effettuate e, quindi, verificare l’effettivo diritto al rimborso. L'importo accumulato verrà accreditato direttamente sull’IBAN di Hype.

Oltre a ciò, sarà reso possibile collegare la carta Hype e l’IBAN per il rimborso anche all’App IO. Quindi, a Dicembre, primo mese di avvio in forma sperimentale del Piano Italia Cashless, sarà possibile ottenere un bonus del 10% su tutti gli acquisti fatti in negozio, fino ad un massimo di 150 euro di rimborso. Si potrà accedere al rimborso dopo sole 10 transazioni effettuate tramite la carta e senza che sia previsto un importo minimo per transazione: pertanto, ai fini del conteggio, sarà valido anche il pagamento di un semplice caffè.

Inoltre, sarà possibile guadagnare Cashback a titolo privato (cioè fuori dall’ambito di qualsiasi attività d’impresa, arte o professione) su ogni tipologia di acquisto: dall’abbigliamento alle spese sanitarie, nessuna spesa è esclusa. Il cliente riceverà il cashback accumulato dall’8 al 31 Dicembre nel mese di Febbraio 2021, direttamente sul conto da lui associato al programma.

Dall’1 Gennaio 2021 in poi, proseguiranno le iniziative: oltre al “Cashback di Stato”, partiranno il “Super Cashback”, per cui ogni 6 mesi i primi 100mila cittadini che avranno fatto più transazioni riceveranno un rimborso di 1.500 euro e la “Lotteria degli scontrini”, lotteria nazionale gratuita che prevede estrazioni settimanali, mensili e annuali. A partire dal 2021, gli scontrini collegati a normali acquisti effettuati tramite carte e App di pagamento genereranno automaticamente biglietti virtuali della “Lotteria che potranno far vincere premi sia ai titolari delle carte che agli esercenti che li avranno emessi.

Antonio Valitutti, CEO di Hype, sottolinea: “Hype nasce come strumento digitale per la gestione del denaro a 360 gradi e, per sua natura, incentiva i pagamenti elettronici. In questo momento così importante, con l’avvio di un’iniziativa di Stato che cambierà il modo di approcciare il denaro, non potevamo non essere in prima linea, fornendo ai nostri clienti, già di per sé orientati a questo tipo di comportamenti, una modalità facile e veloce per accedere ai rimborsi.

Inoltre, Valitutti aggiiunge: Crediamo, infatti, che la facilità di utilizzo sia cruciale per accompagnare la popolazione in questa fase di cambiamento e colmare così il gap che ci separa dagli altri Paesi europei. Secondo il report 2020 di Ambrosetti, infatti, l’Italia si trova, oggi, in 23esima posizione, su 28 Paesi dell’Unione Europea, nella corsa verso la cosiddetta cashless society, una società in cui l’utilizzo del contante è ridotto allo zero. Resta, quindi, ancora molto lavoro e Hype è pronta a fare la sua parte”.