L’App ufirst adottata da McDonald’s per gli accessi smart e programmati

L’App ufirst adottata da McDonald’s per gli accessi smart e programmati

Vota questo articolo
(0 Voti)

In Italia, anche la catena fast food McDonald’s ha scelto ufirst, la piattaforma disponibile via App, per agevolare gli accessi dei clienti ai propri punti vendita. 

A partire da questa settimana e grazie all’App ufirst, tutti i clienti di McDonald’s potranno mettersi virtualmente in fila presso uno dei ristoranti aderenti, sia per ritirare il proprio menù preferito che per consumarlo all’interno del punto vendita. Le modalità offerte da ufirst sono due: da remoto via App e direttamente sul posto via SMS.

McDonalds

Per quanto riguarda la funzionalità da remoto via App, gli utenti (oltre 2 milioni) già in possesso dell’applicazione ufirst (scaricabile dagli store iOS e Android) potranno, tramite il sistema di geolocalizzazione, visualizzare il ristorante McDonald’s più vicino e staccare virtualmente dall’App il numero per la fila. In seguito, potranno monitorare l’avanzamento della coda direttamente da remoto, ricevendo apposite notifiche in prossimità del loro turno per, poi, recarsi all’ingresso del ristorante solo nel momento giusto.

Invece, con la funzionalità direttamente sul posto via SMS, coloro che non possiedono ancora l’App, potranno riservare il loro posto in fila semplicemente comunicando al personale presente all’ingresso, grazie al servizio di concierge, il proprio numero di cellulare: così facendo, il sistema di ufirst invierà automaticamente un messaggio SMS indicante lo stato di avanzamento della propria posizione in fila e, in prossimità del proprio turno, una notifica con l’indicazione di recarsi all’ingresso.

Oltre a ciò, in alcuni ristoranti McDonald’s, è stata avviata una fase di test relativa al servizio di prenotazione del tavolo che permette agli utenti di selezionare il giorno e l’ora prescelti, direttamente dall’App ufirst.

Matteo Lentini Managing Director di ufirst

Matteo Lentini, Managing Director di ufirst, dichiara: “Siamo davvero orgogliosi di affiancare una realtà come McDonald’s in questa importantissima fase di ripresa economica, ma anche di ritorno alla normalità di cui tutti abbiamo davvero bisogno e che tutti abbiamo il dovere di difendere e preservare. Per fare questo, è necessario continuare a mettere al centro della propria strategia la salvaguardia della salute tanto dei propri clienti quanto dei propri dipendenti”.

Giorgia Favaro Chief Marketing Officer di McDonalds Italia

Giorgia Favaro, Chief Marketing Officer di McDonald’s Italia, sottolinea: “Questo investimento tecnologico nasce da un’esigenza presente, come quella di garantire il massimo della sicurezza e il distanziamento sociale in questa nostra nuova quotidianità post Covid-19, ma siamo sicuri possa rappresentare anche un’opportunità di sviluppo futuro dei nostri servizi, con l’obiettivo di andare sempre più incontro alle esigenze dei nostri clienti”.