Protagonisti

L’emergenza Coronavirus e il conseguente periodo del lockdown, di fatto, hanno generato significativi cambiamenti nell’ambito della shopping experience dei nostri connazionali, oggi, più ancora più orientati, rispetto a un recente passato, verso gli acquisti on line. 

Lo scorso Maggio, ShopFully (DoveConviene), società specializzata in soluzioni per il Drive-To-Store, ha finalizzato l’acquisizione del 100% di PromoQui, operatore di riferimento nel mercato dell’infocommerce con i marketplace PromoQui e VolantinoFacile. 

Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia, evidenzia la centralità di consentire a tutti di avere accesso al digitale per uscire dalla crisi. A ciò, si aggiunge la necessità di potenziare le reti esistenti e di garantirne la sicurezza. 

Sarà capitato a tutti, in particolare in questo momento, di sentire parlare di “e-commerce di prossimità”, conosciuto anche con il termine inglese di “proximity e-commerce”. Ma perché questo fenomeno sta emergendo in particolar modo ora e, soprattutto, quali vantaggi offre ai retailer che prediligono questo canale di vendita digitale? 

Nelle rare occasioni in cui sono andato a fare la spesa durante la quarantena, ho iniziato a pensare a come cambieranno i nostri comportamenti d’acquisto post Covid-19. Per esempio, in che modo la nuova abitudine di comprare tutto online influenzerà la vendita al dettaglio? Torneremo a comprare nei negozi? Che aspetto avranno le principali vie dello shopping tra qualche mese? 

Se negli ultimi mesi, complice anche il momento storico vissuto, sono tantissime le realtà che hanno deciso di affacciarsi all’on line, bisogna fare chiarezza sul fatto che non basta aprire un e-store per avere successo nel complesso mondo degli acquisti digitali. 

Pagina 1 di 13