Sostenibilità e retail: in ottica plastic free, Lidl punta sull’economia circolare

Sostenibilità e retail: in ottica plastic free, Lidl punta sull’economia circolare

News Venerdì, 12 Marzo 2021 14:28

Lidl Italia, insegna retail presente con oltre 680 store sul territorio nazionale, ha deciso di intensificare il proprio impegno sul versante della sostenibilità.  

Nel dettaglio, è nell’ambito della strategia REset Plastic che Lidl Italia si è prefissata l’obiettivo sia di ridurre, entro il 2025, l’utilizzo della plastica nelle confezioni dei prodotti a marchio proprio in misura pari al 20% e sia di rendere riciclabile il 100% dei packaging sempre dei prodotti a marchio entro la stessa data.  

In più, il retailer, oltre alla plastica utilizzata nelle confezioni dei suoi prodotti, intende intervenire anche sugli oggetti casalinghi che, periodicamente, mette in vendita: in particolare, a partire dallo scorso 8 Marzo, è stata resa disponibile in tutti i suoi punti vendita la prima linea di prodotti per la casa realizzati con plastica riciclata al 95%.

Tale linea è stata realizzata dall’azienda PreZero, la divisione ambientale del Gruppo Schwarz, di cui la stessa Lidl fa parte. PreZero è un player specializzato nel recupero di rifiuti plastici, della loro trasformazione in granuli di PP (polipropilene) rigenerato che, a loro volta, vengono impiegati per realizzare secchi, grucce appendiabiti, contenitori portaoggetti e numerosi altri prodotti di uso quotidiano.

Lidl economia circolare

Utilizzando la plastica riciclata piuttosto che quella vergine, di fatto, si offre un significativo contributo alla protezione sia del clima che dell’ambiente, evitando la produzione e dispersione di rifiuti in plastica.

Grazie all’iniziativa, è stata data una “seconda vita” a 1.465 tonnellate di rifiuti plastici. Per di più, dal momento che Lidl e PreZero sono due aziende che appartenenti allo stesso Gruppo, l’operazione in ottica plastic free rappresenta, a tutti gli effetti, un esempio virtuoso di economia circolare infragruppo. 

L’intero ciclo del prodotto, dal recupero del rifiuto plastico alla sua trasformazione finale, avviene completamente in Europa.