Nel terzo trimestre 2020, in forte crescita il fashion e-commerce di Zalando

Nel terzo trimestre 2020, in forte crescita il fashion e-commerce di Zalando

Anno 2020 Mercoledì, 04 Novembre 2020 11:31 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Zalando, la piattaforma e-commerce di fashion e lifestyle, ha registrato una crescita straordinariamente marcata nel corso del terzo trimestre 2020. 

Sul versante dei risultati conseguiti, il Gross Merchandise Volume (GMV) e il fatturato, rispettivamente, sono aumentati del +29,9% e del +21,6%, a 2,5 e 1,8 miliardi di euro. Nel dettaglio, il forte trend di crescita è stato trainato non soltanto dall’accelerazione della domanda dei consumatori rivolta verso offerte digitali durante l’emergenza Coronavirus, ma anche dall’elevata performance sia del Partner Program di Zalando che di Zalando Privé.

Zalando Connected Retail

Inoltre, Connected Retail, il programma grazie al quale i retailer fisici possono connettersi con la piattaforma Zalando e vendere i propri prodotti direttamente ai clienti on line di Zalando, si è rivelato parte della soluzione per molti store fisici durante la fase del lockdown in diversi Paesi europei e, entro breve tempo, potrà esserlo anche in Italia. Ad oggi, annoverando circa 2.000 store attivi collegati, Zalando è già diventata la più grande piattaforma a livello europeo per i negozi di moda e punta a triplicarne il numero nel 2021.

Riccardo Vola Director of Southern Europe and Gift Cards di Zalando

Riccardo Vola, Director of Southern Europe and Gift Cards di Zalando, dichiara: “Oggi, siamo molto lieti di annunciare che, a partire dalla prima metà del 2021, i negozi italiani potranno connettersi facilmente alla piattaforma Zalando tramite la nostra iniziativa del programma Connected Retail. I negozi avranno l’opportunità di vendere i propri prodotti on line in maniera diretta agli oltre 35 milioni di clienti attivi su Zalando”.

Poi, Vola sottolinea: “Il retail è stato duramente colpito dalla crisi del Coronavirus. Allo stesso tempo, stiamo assistendo a una richiesta da parte dei rivenditori sempre maggiore di digitalizzare la propria attività. In qualità di piattaforma di moda europea con una forte rete logistica e un’infrastruttura tecnica intelligente, possiamo utilizzare le nostre capacità e risorse per supportare il settore in una delle sfide più urgenti”.

Letto 1229 volte