A Macfrut Digital, il Consorzio di tutela del pomodoro di Pachino IGP presenta la tecnologia Blockchain

A Macfrut Digital, il Consorzio di tutela del pomodoro di Pachino IGP presenta la tecnologia Blockchain

News Domenica, 06 Settembre 2020 21:27 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

In occasione della sua partecipazione a Macfrut Digital, dall’8 al 10 Settembre, il Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino IGP ha predisposto una versione virtuale del proprio stand nell’ambito della quale verrà presentata anche la nuova tecnologia Blockchain tramite la quale accedere, con un click su un QR Code, a tutti i dati sull’origine del prodotto. 

Attraverso l’applicazione della tecnologia Blockchain utilizzata dal Consorzio, è possibile tracciare e con la massima trasparenza il pomodoro Pachino dal campo di coltivazione fino al punto vendita, allo stesso tempo, contrastando le contraffazioni. L’importante progetto trae origine dalla mission del Consorzio rivolta a combattere sia le contraffazioni che le sofisticazioni alimentari in modo da garantire la sicurezza alimentare e la sostenibilità ambientale.

Per quanto attiene a quest’ultima, l’impegno dell’ente senza scopo di lucro riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, in particolare, si concretizza nel packaging sostenibile utilizzato nel corso degli ultimi mesi, realizzato in cartone e ricoperto con film PLA biodegradabile al 100% ricavato dal mais.

Salvatore Lentinello Presidente del Consorzio del Pomodoro di Pachino IGP

Salvatore Lentinello, Presidente del Consorzio del Pomodoro di Pachino IGP, dichiara: “Non potevamo non essere presenti a questo lancio digital dell’edizione 2020 di Macfrut. Si tratta di una grande occasione per raggiungere nuovi canali e nuovo pubblico e intercettare diverse potenziali opportunità all’interno di tutta la filiera ortofrutticola”.

Sebastiano Barone Direttore del Consorzio del Pomodoro di Pachino IGP

A sua volta, Sebastiano Barone, Direttore del Consorzio del Pomodoro di Pachino IGP, sottolinea: “Proprio grazie alla tecnologia e già prima che scattasse l’allarme Covid-19, con la PMI innovativa EZ Lab, pioniera nell’applicazione della Blockchain per l’agrifood, attraverso il suo partner locale TechNrgy Srl, abbiamo ottimizzato il tracciamento dei nostri pomodori dal campo al supermercato. Si tratta di un progetto innovativo che presentiamo al nostro stand virtuale a Macfrut Digital”.