Epson lancia ERS, il software di diagnostica per l’assistenza da remoto

Epson lancia ERS, il software di diagnostica per l’assistenza da remoto

News Sabato, 20 Giugno 2020 13:02 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Epson ha ufficializzato il lancio di ERS (Epson Remote Services), il nuovo software gratuito per l’assistenza da remoto che consente ai rivenditori di ottimizzare la gestione del parco di stampanti inkjet per l’ufficio per i loro clienti. 

Nel dettaglio, è tramite l’abilitazione della diagnostica e della risoluzione dei problemi da remoto che ERS contribuisce sia a ridurre i costi di assistenza che a limitare i tempi di fermo dei prodotti. Oltre a ciò, la solution targata Epson richiede meno assistenza sul posto e offre maggiori tassi di risoluzione dei problemi al primo intervento. 

Il software ERS è stato concepito per consentire soltanto ai tecnici autorizzati di visualizzare da remoto i messaggi di errore per diagnosticare accuratamente gli eventuali malfunzionamenti e, quindi, per risolverli oppure, quando necessario, di inviare personale con tutte le informazioni e i ricambi adatti in modo da aumentare il tasso di risoluzione dei problemi al primo intervento. 

Di fatto, si tratta di una soluzione marcatamente digitale rivolta, al tempo stesso, sia a velocizzare il processo di assistenza che a innalzare il livello di performance operativa dei tecnici preposti. 

Luca Motta Channel Sales Manager di Epson Italia

Luca Motta, Channel Sales Manager di Epson Italia, sottolinea: “Dato che Epson opera esclusivamente tramite canali indiretti, vogliamo dare ai nostri rivenditori le soluzioni ottimali per offrire il servizio migliore ai loro clienti. Epson Remote Services fa sì che essi possano ricevere un messaggio di allerta in real time nel caso in cui si verifichi un problema, ma permette loro di monitorare da remoto anche la diagnostica dei parchi gestiti. In questo modo, i problemi possono essere individuati e risolti rapidamente oppure compresi prima ancora che venga inviato un tecnico dell’assistenza”.