Supply Chain: accordo tra Ceva Logistics Italia ed Emmelibri per un innovativo progetto distributivo

Supply Chain: accordo tra Ceva Logistics Italia ed Emmelibri per un innovativo progetto distributivo

Anno 2020 Mercoledì, 27 Maggio 2020 12:31 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ceva Logistics Italia ed Emmelibri, società appartenente a Gruppo Messaggerie, hanno siglato un accordo diretto ad avviare un progetto comune rivolto allo sviluppo, in Italia, di un innovativo centro logistico e distributivo del libro. 

Per quanto attiene alla realizzazione del progetto, è prevista sia l’eventuale costituzione di una joint venture societaria che la sottoscrizione di un contratto di fornitura di servizi logistici a Messaggerie Libri della durata di 12 anni. Emmelibri, tramite la società controllata Messaggerie Libri, è il più importante player italiano indipendente specializzato nella distribuzione di prodotti editoriali.

La collaborazione tra le due aziende è in essere a partire dagli anni ’90 e, in particolare, è dal 2013 che Ceva è responsabile della movimentazione fisica della totalità dei prodotti distribuiti da Messaggerie Libri attraverso il polo logistico della Città del Libro, ubicata a Stradella, in provincia di Pavia

Ceva

Nella nuova realtà operativa, confluirebbero le attività logistiche di Ceva Logistics Italia, proprio presso il polo di Stradella, attualmente gestite a supporto del servizio di distribuzione libraria di Messaggerie Libri. Da parte sua, Messaggerie Libri non entrerà a far parte dell’accordo societario, ma resterà una società controllata dal Gruppo Messaggerie e partecipata dal Gruppo Feltrinelli.

Il particolare quanto difficile scenario contingente caratterizzato dall’emergenza sanitaria che, di fatto, ha impattato negativamente sull’economia nazionale e globale, non ha impedito ai due player di raggiungere un’intesa di massima diretta alla realizzazione di un magazzino logistico tra i più moderni e all’avanguardia a livello europeo, prevedendo ingenti investimenti ad hoc per il 2021.

Nell’ambito della joint venture, l’accordo prevede che il nuovo progetto garantisca la presenza paritetica di Ceva Logistics e di Emmelibri, oltre alla partecipazione e alla sua gestione da parte delle figure di vertice delle società coinvolte nel progetto: si tratta di Christophe Boustouller e di Renato Salvetti, Amministratori Delegati, rispettivamente, di Ceva Logistics Italia e di Messaggerie Libri.

Christophe Boustouller Amministratore Delegato di Ceva Logistics Italia

Christophe Boustouller ha dichiarato: “Sono davvero soddisfatto di questo accordo sottoscritto con Emmelibri. Oggi, si apre un nuovo capitolo, ancora più promettente, all’interno della decennale collaborazione che lega Ceva e Messaggerie Libri: questa nuova partnership, sostenuta dalla nuova proprietà da parte del Gruppo CMA CGM, ci permetterà di affrontare ancora meglio e con più slancio le sfide del futuro, in un settore dinamico e competitivo come quello della logistica”.

Inoltre, Boustouller ha sottolineato: “Continueremo ad apportare la nostra expertise e il nostro know-how come abbiamo fatto in tutti questi anni. Intanto, voglio ringraziare tutti i lavoratori di Ceva e della Città del Libro e tutto il team di Emmelibri e di Messaggerie Libri che ha riconosciuto in noi il leader della logistica italiana”.

Alberto Ottieri Messaggerie

Alberto Ottieri, Vice Presidente e Consigliere Delegato di Messaggerie Italiane e CEO di Emmelibri, ha così commentato: “Siamo molto soddisfatti di questo accordo a cui abbiamo lavorato a lungo in tandem con Roberto Miglio, Consigliere Delegato di Messaggerie Italiane, nel solco della lunga relazione con il nostro partner logistico Ceva Logistics Italia”.

Poi, Ottieri ha aggiunto: “Messaggerie entrerebbe nel settore della logistica con un coinvolgimento diretto, affiancando lo specialista Ceva Logistics Italia, per affrontare insieme le sfide del futuro nel campo dell’innovazione logistica e tecnologica, al servizio dei nostri clienti editori e di tutto il mercato del libro italiano”.

Letto 781 volte