Stocard: ecco come è cambiata la frequenza di acquisto negli store della GDO

Stocard: ecco come è cambiata la frequenza di acquisto negli store della GDO

News Mercoledì, 22 Aprile 2020 12:43 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dalla recente ricerca realizzata dall’Osservatorio Stocard, risulta che, nelle ultime settimane, i consumatori italiani hanno considerevolmente diminuito la frequenza con la quale effettuano abitualmente acquisti presso i punti vendita della GDO. 

Di fatto, l’indagine ha messo a confronto le spese effettuate presso ipermercati e supermercati nelle quattro settimane comprese tra il 16 Marzo e il 12 Aprile con il mese precedente all’insorgere dell’emergenza Coronavirus (20 Gennaio - 16 Febbraio). Lo scenario individuato dall’App di mobile wallet, che permette la digitalizzazione delle carte fedeltà nel proprio smartphone, evidenzia che i nostri connazionali hanno notevolmente ridotto la frequenza con la quale si recano negli store della GDO: infatti, da una media pari a 6,6 acquisti mensili registrati a Gennaio-Febbraio si è passati a 4,4 a Marzo-Aprile, riportando una flessione pari a -24%.

Ma c’è dell’altro: infatti, i picchi di frequenza di acquisto sono completamente cambiati, tanto che, se nel periodo precedente all’emergenza sanitaria il 22% dei consumatori andava al supermercato più di 10 volte al mese, è nelle settimane di quarantena che più del 7% di essi vi si è recato con la stessa frequenza, con una diminuzione corrispondente al -65%. Oltre a ciò, nel periodo Marzo-Aprile, 1 consumatore su 4 ha scelto di andare al supermercato soltanto 1 volta al mese: si tratta del +124% rispetto a Gennaio-Febbraio, quando appena l’11% dei consumatori ha fatto acquisti una sola volta nelle quattro settimane prese in esame.

Valeria Santoro Country Manager di Stocard Italia

Valeria Santoro, Country Manager di Stocard Italia, commenta le evidenze emerse dalla ricerca: “I dati che abbiamo raccolto mostrano che i cittadini italiani stanno tenendo un comportamento molto rispettoso delle regole imposte dal Governo, riducendo la frequenza con cui si recano a far spesa nella GDO. Il motivo è dovuto al mutamento nelle abitudini quotidiane: prima dell’arrivo del Covid-19, un gran numero di cittadini si recava quasi quotidianamente, durante la pausa pranzo, ad acquistare alimenti nei supermercati in prossimità dell’ufficio; lo stesso accadeva spesso alla sera dopo il lavoro, quando si passava dall’ipermercato prima di rientrare a casa anche solo per comprare il pane. Consuetudini, queste, che la quarantena ha cancellato”.

All-focus

Poi, Santoro aggiunge: “Questi dati ci dicono che gli italiani hanno mediamente ridotto i loro spostamenti verso la GDO. Il dato più impressionante resta, tuttavia, il picco di consumatori che si recano a far spesa al supermercato solo una volta al mese, parliamo di quasi 2 milioni di cittadini che, con un campione così rappresentativo, quello di Stocard, equivale a dire oltre il 20% dei consumatori. Ne consegue che il timore di dover stare in coda a lungo ad aspettare il proprio turno per fare la spesa disincentiva i cittadini a fare acquisti come in passato”.