Trasporto merci transfrontaliero: Transporeon e Sixfold illustrano la tracciatura europea in real time

Trasporto merci transfrontaliero: Transporeon e Sixfold illustrano la tracciatura europea in real time

News Mercoledì, 01 Aprile 2020 12:43 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

In Europa, anche se non pochi Paesi hanno provveduto a introdurre severi controlli alle frontiere per frenare la diffusione del Coronavirus, di fatto, le merci viaggiano quasi senza ostacoli. In alcuni casi, i ritardi registrati durante la scorsa settimana sono stati significativi, causando code di oltre 50 km e tempi di attesa di 24 ore ad alcune frontiere, ma, al momento, sembrerebbe una situazione in fase di normalizzazione. 

Osservando la situazione sul versante italiano, possono subire rallentamenti temporanei tutti i valichi di confine di Stato e con tempi di attesa molto variabili: ciò è quanto emerge dai dati in real time che, attualmente, Transporeon riceve da Sixfold, suo partner per il monitoraggio dei trasporti. Sixfold supporta sia i trasportatori che le aziende a tracciare le merci e i veicoli in tempo reale.

Da parte sua, Transporeon gestisce la piattaforma europea per l’assegnazione dei servizi di trasporto. Insieme, i due player ottengono una panoramica completa e intensamente aggiornata in merito al flusso reale delle merci nel continente europeo. In particolare, i dati relativi ai tempi di attesa alle frontiere, ora, sono rappresentati in modo chiaro e dettagliato su una mappa disponibile gratuitamente al link https://covid-19.sixfold.com.

sixfold com free

Tali informazioni si basano su dati anonimizzati e provenienti dai localizzatori GPS installati su decine di migliaia di camion impegnati nel trasporto transfrontaliero. I dati in questione vengono elaborati in real time e utilizzati per calcolare i tempi effettivi di attesa presso tutti i valichi di frontiera europei: ciò permette a tutti gli operatori impegnati nel trasporto delle merci di individuare con un significativo anticipo le situazioni a rischio e, quindi, di studiare le necessarie soluzioni alternative.

Nel periodo compreso tra il 16 e il 22 Marzo, il numero delle consegne in ritardo nel trasporto merci su strada, in tutto il vecchio continente, ha evidenziato un’oscillazione tra il +3% e il +7% rispetto alla media di lungo termine. Tuttavia, è in alcune regioni che si sono verificati scostamenti maggiori per singoli giorni.

Wolfgang Wörner, CEO di Sixfold, ha dichiarato: “Nonostante la situazione sia tesa e le restrizioni adottate in fretta dai politici, la situazione è in gran parte stabile: le merci continuano a raggiungere le loro destinazioni”.

Stephan Sieber, CEO del Gruppo Transporeon, ha sottolineato come i dati stiano effettivamente fornendo un chiaro segnale: “I trasportatori e i reparti logistici delle aziende hanno sotto controllo i processi”.