Emergenza Coronavirus: eBay a supporto delle PMI italiane

Emergenza Coronavirus: eBay a supporto delle PMI italiane

Vota questo articolo
(2 Voti)

L’emergenza sanitaria relativa alla diffusione del Coronavirus crea significative difficoltà anche sul versante economico, di fatto, causando contraccolpi che vanno a impattare negativamente soprattutto sulle PMI italiane. 

Nello scenario contingente, l’e-commerce resta comunque un strumento di rilievo per sostenere il sistema aziendale: le imprese che commercializzano beni al dettaglio possono continuare la propria attività on line, ovviamente, garantendo sempre la totale osservanza dei necessari requisiti igienico-sanitari. Ed è per questo che eBay sta intraprendendo una serie di misure a livello globale rivolte sia ad andare incontro alle esigenze dei propri venditori che ad aiutare le imprese che decidono di aprirsi al canale on line.

Per tutte le aziende italiane che non sono dotate di una piattaforma e-commerce, eBay mette a disposizione una serie di webinar gratuiti nel proprio canale YouTube, dove gli esperti del marketplace offrono supporto relativo all’apertura di un’attività on line e insegnano come cogliere le opportunità che tale mercato può offrire. Oltre a ciò, per le imprese che intendono aprire un negozio sul marketplace, eBay ha deciso di offrire 12 mesi gratuiti per il Negozio Standard e 6 mesi gratuiti per il Negozio Premium: così, i nuovi venditori non dovranno sostenere alcuna spesa fissa per un periodo di tempo e, quindi, saranno agevolati economicamente nell’ambito del rispettivo ingresso nel mercato on line.

eBay

Per quanto attiene alle oltre 35mila aziende italiane già operanti sulla piattaforma, al fine di supportare il flusso di cassa, eBay è impegnata a predisporre un apposito piano di proroga pari a 30 giorni dei termini di pagamento di alcune tariffe di vendita per tutti i venditori professionali, in modo da garantire la necessaria flessibilità rivolta a sostenere le attività in questo difficile momento.

Infine, per quanto riguarda gli eventuali ritardi nella consegna o l’annullamento degli ordini causati dall’emergenza in corso, per il periodo compreso tra il 20 Febbraio e il 20 Maggio, non verranno conteggiati all’interno della performance del venditore, affinché il livello di quest’ultimo non subirà alcuna ripercussione negativa. In particolare, eBay invita tutti i venditori a informare i rispettivi clienti in caso di ritardi o di difficoltà nell’evasione degli ordini, mantenendo una comunicazione, allo stesso tempo, aperta e trasparente.

Sara Cendaroni eBay

Sara Cendaroni, Head of Sales and Trading di eBay Italia, dichiara: “In questo momento, in cui tutti siamo posti di fronte a grandi sfide, la priorità di eBay è quella di essere vicino ai propri venditori e offrire tutto il supporto necessario per far sì che il business di chi opera attraverso la piattaforma possa risentire il meno possibile di questa emergenza. Inoltre, vogliamo aiutare tutte le PMI italiane che desiderano aprirsi al mercato on line a farlo nel modo giusto e a gettare le basi per creare uno spazio on line che possa essere un supporto per la loro attività nel lungo periodo”.

Letto 727 volte