Netcomm Forum Live: in Italia, triplicati dal lockdown i nuovi consumatori on line

Netcomm Forum Live: in Italia, triplicati dal lockdown i nuovi consumatori on line In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dal recente Netcomm Forum Live, evento ospitato da una nuova piattaforma digitale che ha visto protagonisti 165 società espositrici, 83 workshop e più di 120 relatori, sono emerse significative evidenze sul trend evolutivo dell’e-commerce italiano indotte, in particolare, dall’emergenza Coronavirus. 

Sul versante delle vendite on line, si è verificata una marcata impennata nei comparti che, fino a poche settimane fa, erano considerati sostanzialmente emergenti: a registrare gli aumenti maggiori, tra la fine di Febbraio e la metà di Aprile, è stato il pet care (+154%), seguito dai prodotti freschi e confezionati (+130%), dai prodotti per la cura della casa (+126%) e della persona (+93). Quindi, non soltanto provviste di tipo alimentare per le persone e approvvigionamento per la cura personale e della casa: gli italiani hanno acquistato on line anche per soddisfare le esigenze dei rispettivi animali domestici, compagni di quarantena per milioni di persone.

Ma c’è dell’altro, in tema di scenario: dall’inizio del 2020 a oggi, sono 2 milioni i nuovi consumatori on line in Italia (in totale, sono 29 milioni), 1,3 milioni dei quali, stando alle stime diffuse da Netcomm, sono da attribuire all’impatto dell’emergenza Coronavirus: infatti, negli stessi mesi del 2019 (tra Gennaio e Maggio), si registravano 700mila nuovi consumatori digitali.

Roberto Liscia Presidente di Netcomm ed Executive Board Member di E commerce Europe

Roberto Liscia, Presidente di Netcomm, ha così commentato: “Stiamo assistendo a un’evoluzione inaspettata dei modelli di consumo degli italiani. A cambiare in tempi record sono state, soprattutto, le modalità di spedizione e di consegna. Il Click and Collect, ovvero la possibilità di ordinare on line un prodotto e di ritirarlo in negozio da parte del cliente, ha registrato una crescita del +349% e ci aspettiamo che, nei prossimi mesi, diventerà un’abitudine sempre più consolidata, poiché consente flessibilità, adattamento alle esigenze di mobilità e, soprattutto, distanziamento sociale”.

Valentina Pontiggia Direttore dellOsservatorio eCommerce B2C Netcomm del Politecnico di Milano

A sua volta, Valentina Pontiggia, Direttore dell’Osservatorio E-commerce B2C Netcomm del Politecnico di Milano, ha sottolineato: “In questi giorni di emergenza, sono tante le domande che ci poniamo sugli effetti e sulle mutazioni che ci attendono nel mondo del commercio. Tra le poche certezze, a mio avviso, c’è la vicinanza, la dipendenza che i canali on line e fisico hanno dimostrato con forza in questo momento difficile. Durante il lockdown, il digitale, per tanti, ha rappresentato l’unica e preziosa occasione per mantenere viva una relazione con i propri consumatori. Per altri, l’e-commerce è stato motore di crescita esponenziale delle vendite, ma le operations hanno dettato con violenza i ritmi e, soprattutto, hanno imposto i limiti. Quando avremo lasciato alle spalle questa crisi, l’e-commerce svolgerà un ruolo indispensabile per la ripresa del commercio e dei consumi: come individui, cercheremo una nuova normalità, sicuramente più digitale. Una sfida importante per il nostro retail”.

Articoli correlati (da tag)