//
           

 

Analisi Tiendeo: a causa del Coronavirus, cresce l’on line e i consumi diventano mirati

Analisi Tiendeo: a causa del Coronavirus, cresce l’on line e i consumi diventano mirati In evidenza

Vota questo articolo
(1 Vota)

Tiendeo.it, player specializzato in solutions Drive-to-Store a supporto dei retailer, ha esaminato i dati riferiti all’ultimo periodo caratterizzato dall’emergenza Coronavirus al fine di individuare i trend comportamentali degli italiani e, quindi, scoprire come essi affrontano l’attuale periodo di lockdown. 

Dall’analisi targata Tiendeo, emerge un aumento pari al +5% dell’on line, segno della tendenza degli utenti a trovare ciò che necessitano avvalendosi del canale digitale per, poi, muoversi con maggior sicurezza verso gli store fisici, principalmente, per acquistare prodotti food e di igiene. Di fatto, sia la quasi totale impossibilità di uscire di casa liberamente che la necessità di centellinare gli spostamenti per la sicurezza propria e degli altri rendono indispensabile fare una selezione preliminare dei luoghi presso i quali recarsi per fare la spesa.

In tale scenario contingente, i volantini, rigorosamente digitali, sono consultati per visualizzare le offerte attive nei supermercati presenti in zona e, quindi, muoversi di conseguenza. In linea con ciò che, solitamente, accade in tempi di crisi, i dati evidenziano una marcata contrazione per i prodotti della categoria profumeria ed estetica (-14%). Emerge, invece, un trend opposta per il settore dell’elettronica, in modo particolare, per l’informatica: in questo ambito, le ricerche di computer aumentano in misura pari al +80%, mentre quelle dei tablet del +35%. A seguire, la ricerca di televisori con +14% e di aspirapolveri con +21%.

Tiendeo

Questi dati sono anche il risultato del diffondersi a largo raggio dello Smart Working, fenomeno che ha coinvolto l’intero Paese e per il quale i nostri connazionali hanno provveduto ad allestire delle apposite postazioni lavorative presso le rispettive abitazioni. La situazione di quarantena, oltre al crescere della preoccupazione per le modalità di svolgimento del lavoro da casa, implica anche la necessità di attrezzarsi sia per organizzare il tempo libero che per le pulizie extra necessariamente richieste dalla particolare circostanza contingente.

Per quanto attiene al comparto food, si evidenzia il triplicarsi dell’interesse per la farina, le ricerche di conserve crescono del +152%, mentre per la pasta e lolio raddoppiano. A completare la Top Five dei prodotti alimentari attualmente preferiti è il riso, con un aumento pari al +65%. Va da sé che, come più che immaginabile, una conferma ulteriore relativa allo stato di emergenza sanitaria e all’atteggiamento degli italiani arriva dai dati in netta crescita riferiti alle mascherine (+1400%), ai disinfettanti (+600%) e alle candeggine (+343%).

Articoli correlati (da tag)