Tecnologia per la supply chain: Omron introduce il robot HD-1500

Tecnologia per la supply chain: Omron introduce il robot HD-1500

Anno 2020 Giovedì, 30 Luglio 2020 12:42 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Omron, player operante nel settore dell’automazione, ha ufficializzato il lancio del robot mobile HD-1500. 

L’HD-1500 annovera una capacità di carico utile pari a 1.500 kg ed è stato progettato per gli impianti odierni, all’interno dei quali le solutions autonome per la movimentazione dei materiali devono gestire attività di automazione industriale ancora più impegnative rispetto al passato e insieme all’implementazione dei nuovi requisiti di social distancing legati all’emergenza Coronavirus.

La rilevante capacità di carico dell’HD-1500 permette il trasporto di grandi componenti automobilistici, quali telai di autovetture e carichi voluminosi di dimensioni di pallet, articoli che, solitamente, venivano movimentati per mezzo di carrelli elevatori.

Con il lancio dell’HD-1500, i robot mobili targati Omron, compresi i modelli LD-60/90 e LD-250, offrono una range completa rivolta al trasporto di una vasta varietà di articoli, tra i quali i componenti, i prodotti non finiti, i prodotti finiti e i materiali pesanti.

Tom Mathias President and CEO di Omron Robotics and Safety Technologies

Tom Mathias, President and CEO di Omron Robotics and Safety Technologies, sottolinea: “La logistica in loco, ovvero la movimentazione di prodotti e materiali all'interno della fabbrica e del magazzino, sta diventando un vero e proprio ostacolo per molte aziende a causa della frequenza e della monotonia delle attività, nonché della necessità di rispettare i protocolli di distanziamento sociale. I ritmi serrati degli ambienti di produzione richiedono velocità e flessibilità. I robot mobili di OMRON consentono alle aziende di risolvere questo problema, operando 24 ore al giorno senza sosta e nello stesso ambiente degli esseri umani, con puntualità e in tutta sicurezza”.

Letto 1170 volte