Start-up e innovazione: aperto da Retail Hub il nuovo round di finanziamento

Start-up e innovazione: aperto da Retail Hub il nuovo round di finanziamento

Pubblicato in Imprese 25 Gennaio 2021 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Trascorsi 7 mesi dal primo seeding, Retail Hub, il primo acceleratore di start-up e scale-up verticale nel mercato del retail, ha avviato il nuovo round di raccolta fondi per consolidare la propria presenza in Italia, allargando l’attuale perimetro dei progetti e, allo stesso tempo, preparando lo sbarco all’estero. 

La prima raccolta era terminata nel Luglio 2020, con l’ingresso di Fandango e di soci come Francesco Pinto, Chairman of the Board di Inticom Spa (Yamamay), Lucia Fracassi, ex guida di Melegatti e Deborah e altri manager e imprenditori dei comparti del fashion e del food.  

La company che ha, in pochi mesi, consolidato una valuation pre-money pari a 6,5 milioni di euro, ora, apre la ricerca di ulteriori finanziatori per un nuovo round che intende chiudere entro il prossimo mese di Aprile. 

Retail Hub

Grazie alla prima raccolta, Retail Hub ha potenziato l’organico, ha attivato il proprio percorso di costruzione dell’ecosistema e ha aiutato più di 50 start-up innovative ad accedere che a fare sviluppo nel mercato italiano. Con il prossimo round, quindi, partirà anche l’espansione europea che ha l’obiettivo di rendere Retail Hub un riferimento a livello internazionale. 

In una dichiarazione congiunta, Antonio Ragusa e Massimo Volpe, Soci Fondatori di Retail Hub, sottolineano: “La nostra call è rivolta primariamente a investitori istituzionali, oltre che privati. Coloro che ci hanno dato fiducia quando abbiamo costituito la società hanno già dichiarato la loro intenzione di continuare a finanziare il progetto, ma stiamo comunque avviando nuovi incontri per nuovi soggetti interessanti che vogliano investire”.