Giacomo Pastore è il nuovo CEO di FrescoFrigo

Giacomo Pastore è il nuovo CEO di FrescoFrigo

Pubblicato in Imprese 19 Ottobre 2020 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Giacomo Pastore è stato nominato Chief Executive Officer di FrescoFrigo, la start-up tecnologica dell’healthy food fondata nel 2018 da Enrico Pandian, il quale mantiene il ruolo di Presidente della società. 

Pastore, classe 1986, dopo essersi laureato in Economia e Management presso l’Università Bocconi di Milano e aver conseguito un master in Strategy and Business Administration, ha maturato una pluriennale esperienza presso la sede milanese di Europa Investimenti e, precedentemente, sia in PwC che in Valentino Fashion Group USA.

Appena ricevuta la nomina a CEO, Giacomo Pastore ha sottolineato: “Ho scelto FrescoFrigo perché, oggi, la società si trova davanti alla grande sfida della crescita e dell’internazionalizzazione. Avere l'opportunità di entrare in questo mondo e guardare al futuro da una posizione privilegiata è per me un grande onore e una importante responsabilità”.

Poi, Pastore ha aggiunto: “Ringrazio Enrico Pandian e tutti i soci per avermi scelto e dato fiducia. Gli obiettivi per il futuro sono assolutamente chiari: far crescere le performance economico-finanziarie dell’azienda, portando la nostra innovazione a riscrivere le regole della fruizione dei prodotti food di alta qualità, in un mondo sempre più connesso e dinamico. Grazie al lavoro di squadra, sono sicuro che riusciremo a raggiungere traguardi importanti”.

Enrico Pandian Founder di FrescoFrigo

Enrico Pandian, Fondatore e Presidente di FrescoFrigo, ha dichiarato: “L’inserimento di Giacomo Pastore rappresenta l’inizio di una nuova fase per FrescoFrigo che vede nell’internazionalizzazione la sua futura crescita. Infatti, il nuovo CEO, non appena si chiuderà il round di investimenti attualmente in corso e che sta dando ottimi risultati in termini di raccolta, sarà chiamato a premere sull’acceleratore proprio per garantire il rapido avvio del processo di espansione nei mercati esteri. Dopo New York, Lisbona e Londra, vogliamo continuare a volgere lo sguardo oltre frontiera”.