Curzio Boaretto è il nuovo Business Development Manager di Palletways Italia

Curzio Boaretto è il nuovo Business Development Manager di Palletways Italia

Pubblicato in Imprese 09 Settembre 2020 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Palletways Italia, controllata di Imperial e parte del principale network europeo di trasporto espresso di merce pallettizzata, ha ufficializzato l’ingresso in azienda di Curzio Boaretto in qualità di nuovo Business Development Manager. 

Boaretto entra a far parte del management aziendale con il compito di supportare la direzione, il team sales e il network dei concessionari. Il manager ha maturato una qualificata esperienza trentennale nel comparto dei trasporti e della logistica presso grandi società con sede in Italia e in Svizzera, seguendo la movimentazione di prodotti di differenti categorie merceologiche, da quelle alimentari a quelle di lusso.

Nell’ambito della propria carriera, Boaretto, oltre ad aver ricoperto ruoli di crescente responsabilità nella gestione del magazzino, del dipartimento commerciale, delle relazioni con i clienti e con gli stakeholder, si è specializzato nel settore del trasferimento merci intermodale domestico e internazionale.

Massimiliano Peres CEO di Palletways Italia

Massimiliano Peres, CEO di Palletways Italia, ha così commentato: “Sono lieto che Curzio Boaretto si unisca a noi, portando la sua preziosa esperienza e professionalità nel team del Palletways Italia. Dietro ai servizi di qualità che garantiamo ai cliente, abbiamo creato un team di manager esperti che lavora al fianco di un’efficiente rete di concessionari. Sono certo che Curzio saprà supportare le aziende del nostro network e creare nuove opportunità di business grazie al suo approccio strategico”.

Poi, Peres ha sottolineato: “Potenziare il management con diverse capacità, expertise e nuovi talenti ci permette di avere le migliori risorse per affrontare le nuove sfide del mercato e raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi di crescita. Uno di questi è il positivo costante incremento del numero dei nostri concessionari che si prevede cresca da 130 a 150 entro la fine del 2020 nonostante l’impatto della pandemia”.