//
           

 

Digital Engagement per il retail: nel 2019, raggiunti risultati in crescita da M-Cube

Digital Engagement per il retail: nel 2019, raggiunti risultati in crescita da M-Cube

Vota questo articolo
(0 Voti)

M-Cube, player italiano specializzato in servizi di Digital Engagement a supporto del retail, ha chiuso il 2019 riportando un bilancio positivo grazie alla finalizzazione di 4 acquisizioni internazionali e al fatturato di fine anno attestatosi a oltre 45 milioni di euro. 

Particolarmente strategiche si sono rivelate le acquisizioni di competitor internazionali siglate dal Gruppo triestino, tra la fine del 2018 e il 2019, che gli hanno consentito di raggiungere la leadership europea del comparto dell’In-store Digital Engagement: si tratta di &Alchemy Digital in UK, del Gruppo Carlipa operativo in Francia e Cina e del Gruppo Storever attivo in Belgio, Francia, Germania, Spagna e Cina. Nel nostro Paese, l’acquisizione della start-up Stentle ha consentito a M-Cube di ampliare e di consolidare la rispettiva offerta con servizi omnichannel appositamente dedicati al retail.

Oltre a ciò, M-Cube si è impegnata ad accrescere il livello dei suoi servizi sul versante del supporto tecnico e logistico aprendo lo “European Logistic and Operation Hub” a Rho, in provincia di Milano, dal quale coordinare e supportare tutti i progetti in corso a livello globale. Con una superficie pari a circa 2.000 metri quadri, oltre a uffici e magazzini, il nuovo centro operativo ospiterà un laboratorio specialistico presso il quale certificare le varie solutions prima della distribuzione globale e un’area dedicata al supporto tecnico per la gestione delle programmazioni e dei test dei contenuti video trasmessi sulle piattaforme installate.

In più, verrà riservato un ampio spazio alla creazione di un’area espositiva, la M-Cube Showroom, in cui sarà possibile toccare le ultime tecnologie sul mercato e, in modo particolare, le ultime soluzioni LED. Grazie ai traguardi raggiunto nel corso del 2019, i numeri di M-Cube sono aumentati in modo significativo: il bilancio consolidato risulta pari a circa 45 milioni ed è il risultato dei servizi erogati a più di 400 clienti per un totale di oltre 45.000 store gestiti in più di 85 Paesi.

Manlio Romanelli M Cube

Manlio Romanelli, CEO di M-Cube, ha così tracciato gli obietti per il nuovo anno: “La sfida del 2020 è di gestire la crescita organica prevista, anche tramite l’estensione del modello vincente di M-Cube al portafoglio clienti delle aziende acquisite e, allo stesso tempo, avviare la riorganizzazione del nuovo Gruppo di 15 società omogeneizzando gli obiettivi, i processi e le piattaforme operative e ricercando le economie di scala ottenibili dalla dimensione raggiunta. Questo avverrà dal punto di vista di entità legali grazie a una serie di fusioni e incorporazioni, ma anche dal punto di vista funzionale per fare di M-Cube un’unica azienda e un’entità transnazionale in grado di supportare i progetti dei propri clienti direttamente dalle branch estere”.