Il ciclo di vita dei banchi frigo Arneg

Vota questo articolo
(0 Voti)

Recuperare il 96% del materiale di cui è fatto un banco frigorifero, è possibile? Arneg lo fa. E non solo... 

Sempre di più si assiste ad un aumento della sensibilità ambientale, diffusa ad ogni livello. L'evoluzione della società ed il verificarsi di fenomeni naturali sempre più impattanti ed imprevedibili nonché l'estinzione di specie animali, l'aumento del fenomeno della desertificazione e la carenza di risorse naturali quali l'acqua, hanno modificato la sensibilità dell'uomo nei confronti della natura creando una vera e propria coscienza "green".

Oggi, ognuno di noi è consapevole che ogni nostra singola azione può influire sull'ambiente. Si sceglie un elettrodomestico anche per le sue prestazioni energetiche, viene svolta una raccolta differenziata sempre più spinta, si acquista un alimento tenendo conto della sua provenienza e degli impatti ambientali del processo che l'ha generato e potremmo fare mille altri esempi.

Arneg, consapevole di tali mutamenti, ha avviato in tempi non sospetti – primi anni 2000, quindi ben in anticipo rispetto ai trend del settore della Refrigerazione Commerciale - un processo di miglioramento continuo degli impatti ambientali generati dalle proprie attività e dai propri prodotti. Ne è testimonianza la certificazione ISO 14001 ottenuta e mantenuta sin dal 2007 ed una progettazione e realizzazione dei propri prodotti sempre attenta agli aspetti ambientali.

Convinti che "nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma", Arneg valuta tutte le fasi della vita del prodotto. Utilizza processi e materiali rispondenti alle più recenti normative di sicurezza ed ambientali e si impegna costantemente alla riduzione delle tonnellate di CO2 equivalente necessarie a tutte le attività produttive. Basti pensare che, nel corso degli ultimi 10 anni è riuscita a ridurre del 59% i chilogrammi di CO2 equivalente associata alla produzione di un banco frigorifero.

Forse pochi sanno che l'impatto ambientale più elevato del ciclo di vita del banco frigorifero (circa il 95%) dipende dai consumi di energia elettrica durante gli anni di funzionamento. Ecco perchè i progettisti Arneg sono costantemente concentrati nella ricerca di tutte le possibili soluzioni tecniche per ridurre i consumi energetici dei prodotti e garantire al contempo il massimo delle prestazioni.

Ecco, a titolo di esempio, alcune delle soluzioni più innovative adottate da Arneg:

  • valvole di espansione elettroniche,
  • ventilatori elettronici Low Energy,
  • porte a vetro nei murali,
  • porte a vetro non riscaldate nei mobili a bassa temperatura,
  • chiusure a vetro nelle isole a bassa temperatura,
  • sistemi a doppia cortina d'aria nei murali aperti,
  • illuminazione a LED anzichè a lampade fluorescenti,
  • la tecnologia ARNEG AIR SYSTEM nei murali con porte

Massimo Forcolin Direttore Qualità Sicurezza e Ambiente di Arneg SpA

Arneg realizza prodotti destinati a durare nel tempo ma che, come ogni cosa, sono anch'essi destinati al fine vita. Anche questo aspetto non viene trascurato: il ritiro e la gestione del vecchio banco avvengono grazie ad aziende autorizzate e dotate dei migliori impianti per il trattamento dei rifiuti che garantiscono il recupero del 96% dei materiali di cui è costituito il banco frigorifero.

Tutto questo perché Arneg crede in un modello di economia circolare e questa è la strada che si impegna a proseguire, coerente con i propri valori aziendali, per un mondo sempre più sostenibile.