Sipos: progettare in maniera strutturata a partire dall’IT

Sipos: progettare in maniera strutturata a partire dall’IT

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel corso degli ultimi mesi, a causa dellemergenza sanitaria, abbiamo assistito a una grande accelerazione dei cambiamenti delle abitudini di spesa dei consumatori, che stanno scoprendo i vantaggi di acquistare online anche i prodotti alimentari.

«Proponiamo una soluzione completa che vede come fulcro il portale web», afferma Ilario Perrucci, CEO di Sipos, «cui si integrano applicazioni di picking presso il punto vendita e di inserimento ordine da parte del consumatore. Per raggiungere l’obiettivo è certamente determinante la struttura IT e gli strumenti che essa mette a disposizione, ma hanno un impatto altrettanto notevole la definizione e la valutazione del retailer sugli aspetti organizzativi e di processo commerciale e logistico: il progetto deve essere strutturato a 360 gradi nell’azienda a partire dall’IT. Siamo fortemente convinti che i vantaggi riguardanti la vendita online scoperti nell’ultimo periodo dai consumatori saranno duraturi nel tempo e quindi parte della strategia omnicanale di ogni retailer».

Soluzioni per digitalizzare e automatizzare i processi in-store

Sipos sta investendo sullo sviluppo di applicazioni mobile, che impattano sul business strategico del retailer, e sul perfezionamento di un modello organizzativo mirato all’erogazione di servizi di assistenza di alta qualità attraverso risorse altamente specializzate e strumenti tecnologici moderni a supporto.

«Interveniamo utilizzando le tecnologie più avanzate per digitalizzare e automatizzare i processi del punto vendita», continua Ilario Perrucci, «offrendo sistemi di centralizzazione e piattaforme di controllo e gestione di servizi fruibili in-store. Sempre in ambito digitalizzazione, proponiamo soluzioni di etichettatura elettronica dei prodotti che trovano riscontri positivi sia da parte del consumatore, che ha la possibilità di visualizzare informazioni sempre aggiornate e chiare, sia da parte del retailer, che ha il vantaggio di migliorare l’impatto visivo del proprio store, la comunicazione verso il consumatore e la gestione, grazie all’interazione con l’etichetta digitale».