Presentate da CLS nuove soluzioni automatizzate e integrate per la logistica

Presentate da CLS nuove soluzioni automatizzate e integrate per la logistica

Vota questo articolo
(0 Voti)

Presso la nuova filiale di Altopascio (LU), CLS, player operante nel noleggio, nella vendita e nell’assistenza di carrelli elevatori e attrezzature per la logistica, ha organizzato un evento a porte aperte focalizzato sull’automazione e integrazione digitale, con l’obiettivo di illustrare e anticipare le sfide che le aziende sono chiamate a raccogliere nell’ambito dell’Industria 4.0.

Nel dettaglio, il Focus Day si è rivelato un importante momento d’incontro che ha offerto ai partecipanti l’opportunità di entrare nel futuro dell’automazione e della logistica integrata, con la possibilità di assistere a demo dedicate per conoscere lo stato dell’arte dell’automazione e le ultime innovazioni dirette a ottimizzare la produttività. Al centro dell’evento, è stato evidenziato che le possibilità di automazione e potenziale tecnico in Italia sono tra i più elevati in Europa e si attestano circa al 50%. Oltre a ciò, sono stati citati i dati di alcuni importanti studi, secondo i quali l’Italia è il Paese le cui risorse umane operative nel mondo della logistica maggiormente si prestano a essere sostituite dall’automazione (63%), in particolare, nell’ambito delle mansioni manuali e ripetitive.

Attraverso demo dedicate, CLS ha evidenziato i vantaggi derivanti dall’utilizzo di soluzioni di movimentazione intelligenti totalmente automatizzate e che permettono di eliminare le inefficienze grazie a tecnologie di automazione e a sistemi di produzione integrati, nonché soluzioni per automatizzare le operazioni logistiche pur mantenendo le infrastrutture già esistenti. In modo particolare, sono state illustrate le potenzialità dei veicoli intelligenti a guida automatica Agilox, prodotto di punta di CLS per un’automazione integrata nei siti produttivi e nei magazzini più all’avanguardia. Grazie alla peculiarità di una comunicazione diretta con i sistemi di produzione e agli altri macchinari presenti nella catena produttiva o distributiva, i veicoli targati Agilox non necessitano di un’unità di controllo centrale e risultano adatti all’impiego anche in ambienti stretti, tipici delle imprese che hanno ampliato, nel corso del tempo, con successo i propri spazi produttivi.

Oltre alla versatilità, il loro maggiore plus consiste nella velocità di configurazione: difatti, è sufficiente l’impostazione di poche istruzioni affinché Agilox si orienti, riconosca il carico, calcoli il percorso più breve per portarlo a destinazione, eviti gli ostacoli lungo il percorso e il tutto sia in totale autonomia che con la massima precisione. Tale sistema è programmabile per interagire lungo tutta la linea produttiva anche con i COBOT: la nuova generazione di robot collaborativi flessibili, sicuri e affidabili, progettati per scenari applicativi realmente innovativi. I COllaborative roBOT sono stati realizzati per automatizzare attività ripetitive e senza valore aggiunto. Versatili e compatti, permettono di lavorare e interagire non soltanto con altre macchine, ma anche di collaborare con l’uomo, dati i requisiti di estrema sicurezza e la possibilità di poter lavorare in un ambiente condiviso.

Tra le proposte presentate da CLS, figura anche la tecnologia avanzata dei carrelli a guida automatica Kivnon, basati su un sistema a guida magnetica o mapping (SLAM). Gli AGV Kivnon sono programmabili anche tramite smartphone per l’identificazione dei punti decisionali. Inoltre, protagonista delle demo è stato anche l’LGV (Laser Guided Vehicle) di Skilled Group, con cui CLS ha recentemente siglato una partnership commerciale. Lo Skilled LGV 1400 è un carrello a guida automatica che consente la totale automatizzazione del fine linea, ideale per la movimentazione di carichi pesanti in corsie alte e strette, dal momento che è provvisto di apposite forche per spostare pallet singoli o doppi, che possono essere sollevati fino a un’altezza pari a 10 metri. In più, lo Skilled LGV 1400 può essere equipaggiato con pinze per bobine o rulliere per la movimentazione di carichi pallettizzati.

Infine, il focus dell’evento incentrato sull’integrazione è stato ribadito dalla dimostrazione di iDAC, l’Integrazione Digitale Avanzata di CLS, installata sui controbilanciati elettrici Hyster. iDAC rappresenta un servizio a elevato valore aggiunto per ottimizzare l’operatività e consente ai macchinari tradizionali di essere integrati digitalmente nei vari flussi produttivi tramite lo scambio di dati e di istruzioni operative consultabili e gestibili in real time da portale e da interfacce web.

Slide background

PUBLISHING

4.0

MEDIA

experience