On Line Shopping: per GoCardless, gli e-shopper italiani mettono al primo posto la sicurezza dei pagamenti

On Line Shopping: per GoCardless, gli e-shopper italiani mettono al primo posto la sicurezza dei pagamenti

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dalla ricerca “Sicurezza vs praticità nei pagamenti on line”, recentemente condotta da GoCardless, player operante nella gestione dei pagamenti ricorrenti, emerge che il 69% dei consumatori italiani mette al primo posto la sicurezza quando effettua acquisti sul web.

In particolare, tale risultato risulta coerente per tutti i Paesi coinvolti nel sondaggio: 62% in Francia, 61% in Germania, 58% in Spagna, 55% in UK e 46% in Olanda. Inoltre, l’analisi di GoCardless ha sondato i comportamenti e le attitudini degli utenti durante il loro shopping on line: in Italia, il 39% degli intervistati ha dichiarato di aver abbandonato un acquisto perché i processi per la sicurezza del pagamento erano troppo complessi e lenti, contro il 44% di UK, il 48% della Germania, il 40% della Spagna, il 33% della Francia e, infine, il 47% dell’Olanda.

Sempre nel nostro Paese, il 42% del campione interpellato ha risposto che si sentirebbe deluso se il brand preferito introducesse nuovi processi di sicurezza, mentre il 50% giudicherebbe positivamente un metodo di pagamento a basso rischio come l’addebito diretto, al fine di evitare i sistemi di check-out. La ricerca ha anche registrato come un numero significativo di persone si senta a disagio nel fornire dati personali per la protezione dalle frodi: il 41% dei consumatori italiani consultati ha dichiarato che la necessità di dare informazioni personali o di utilizzare strumenti biometrici lo fa sentire al sicuro, mentre il 34% si è dichiarato sospettoso, il 16% frustrato e il 17% indifferente.

Duncan Barrigan, Vice President Product di GoCardless, ha così commentato i risultati dell’indagine: “I consumatori italiani, pur mettendo la sicurezza al primo posto durante un acquisto on line, restano sospettosi e frustrati se devono interfacciarsi con sistemi di sicurezza troppo complessi. Proteggere gli acquirenti dalle frodi nell’ambito dei digital payment è fondamentale e la nuova normativa, che si pone di raggiungere questo obiettivo, dovrebbe essere accolta favorevolmente. Il rovescio della medaglia è che queste misure, se attuate in modo scorretto, potrebbero avere un significativo impatto negativo sui consumatori e portare a un calo delle conversioni per le imprese”.

Inoltre, Barrigan ha sottolineato: “I retailer on line devono lavorare per trovare il giusto equilibrio tra sicurezza e convenienza. Non far fronte a questa nuova realtà potrebbe portare a ritorni negativi sul commercio elettronico. I principali rivenditori, tra cui Amazon, si stanno già preparando”.

Slide background

PUBLISHING

4.0

MEDIA

experience