Una piattaforma digitale per ottimizzare le consegne di prodotti food in base alle priorità

Una piattaforma digitale per ottimizzare le consegne di prodotti food in base alle priorità

Vota questo articolo
(4 Voti)

Nell’attuale scenario, i processi logistici rappresentano uno degli ambiti più decisivi sia per il livello sia per la qualità della performance aziendale. In tale versante dell’operatività d’impresa, sono sempre più direttamente coinvolti aspetti organizzativi, tecnologici e, in particolare, digitali.

Una vera e propria case history attinente al ricorso a strumenti ad hoc rivolti a ottimizzare la logistica riguarda la solution Mercareon di Transporeon Group che ha consentito a CIRFOOD, player operante nella ristorazione organizzata, commerciale e collettiva, di poter contare sia su una migliore organizzazione che su un miglior sfruttamento delle risorse all’interno dei magazzini dei prodotti alimentari freschi, surgelati e secchi.

Sandro Trotta Logistic and Supply Chain Manager Cirfood

Sandro Trotta, Logistic and Supply Chain Manager di CIRFOOD, illustra l’azienda: “CIRFOOD è centralizzata per quanto riguarda i due terzi dei suoi 1.200 clienti serviti dalla sede di Reggio Emilia e per un terzo ricorre a logistiche locali nelle regioni del Centro-Sud e dell’estremo Nord-Est. CIRFOOD è un’impresa cooperativa attiva nella ristorazione collettiva, nella ristorazione commerciale e nei servizi di welfare alle imprese. Oggi, è presente in 17 regioni e 72 province d’Italia, e all’estero in Belgio e in Olanda. È leader nel segmento della ristorazione scolastica e tra i primi player nel segmento sociosanitario. Per quanto riguarda la ristorazione aziendale, sta ampliando i propri investimenti e può già contare su importanti clienti che hanno scelto la qualità dell’offerta e dei servizi di CIRFOOD, in un’ottica di proposta integrata di welfare per i propri dipendenti. Nel 2018, il fatturato si è attestato intorno ai 680 milioni di euro”.

CIRFOOD 1

Trotta sottolinea l’importanza strategica della gestione sia del secco che dei surgelati: “I prodotti freschi bisogna farli giungere a destinazione lo stesso giorno in cui ci arrivano dai nostri fornitori, quindi, occorre sincronizzare i movimenti in base alla priorità di arrivo e di scarico. Prima di ricorrere alla soluzione Mercareon, tale movimentazione non era ottimale per i freschi e i camion arrivavano senza una pianificazione puntuale”. Cosa è cambiato, poi? “La soluzione Mercareon ci ha convinto perché ci permette di organizzare e gestire gli orari d’arrivo dei mezzi”, afferma Trotta, “per dare i giusti correttivi. A distanza di 6 mesi dall’implementazione, l’80% degli ordini viene fatto sul portale e ciò ci consente di migliorare il rifornimento di prodotti freschi”.

Fabio Pinardi Logistic Site Manager Quanta Stock and Go

Fabio Pinardi, Logistic Site Manager di Quanta Stock and Go, società che gestisce in outsourcing la parte operativa della logistica centralizzata di CIRFOOD, afferma: “L’'adozione di questo portale è nata dalla gestione e dall’esigenza degli spazi interni al magazzino. Ci sono sempre vincoli per la gestione della merce in ingresso, quindi, c’era l’esigenza di un flusso continuativo in tale area di magazzino, in primis, per ottimizzare i tempi di attraversamento e, in secondo luogo, per organizzare le risorse nelle aree. Occorreva evitare rallentamenti, spazi e tempi vuoti durante i lavori del giorno. Una stretta priorità consiste nell’organizzare i flussi in modo ottimale: prima, i freschi urgenti e, poi, i secchi. Ora, la gestione viene fatta in modo intelligente sulla base delle priorità”.

In sostanza, ora, sia i fornitori che i vettori, tramite il portale, hanno maggiori garanzie sul versante delle tempistiche di consegna e possono contare sulla certezza di scarico, senza rischiare di avere un mezzo fermo e di accumulare ritardi. Pinardi aggiunge: “Tra i circa 160 fornitori che vengono in consegna, la maggior parte ha aderito subito al progetto e i restanti certamente sfrutteranno a breve questa opportunità. Abbiamo organizzato degli incontri appositi per illustrare i vantaggi anche ai loro vettori”.

Andrea Gerolimon Business Consulting Transporeon

Andrea Gerolimon, Business Consulting di Transporeon, dichiara: “Molti fornitori e vettori già conoscevano la soluzione e non hanno avuto problemi ad aderire. Mercareon provvede alla formazione sia del personale CIRFOOD che del personale lato vettori ed è un lavoro che viene effettuato e migliorato day-by-day: un fattore importante consiste nell’avere dei numeri oggettivi con i quali confrontarsi con i vari attori che collaborano alla Supply Chain. È un lavoro che va fatto giornalmente in modo ottimale ricorrendo alla piattaforma, dove viene inserito l’ordine. Ed è il sistema Mercareon a dire quando va consegna la merce. Si sceglie l’orario, si stampa la prenotazione e la si presenta al momento dell’arrivo”.

Alessandro De Martini Country Manager Italy Transporeon

Alessandro De Martini, Country Manager Italy di Transporeon, ribadisce i vantaggi ottenuti grazie al sistema implementato: “Il tempo di attraversamento è un fattore molto importante per la logistica e dipende anche dal tipo di consegna, dal numero di referenze e anche dei pallets. Gli slot vengono utilizzati in base alla tipologia dei prodotti e, quindi, delle referenze: il portale consente di monitorare la qualità del servizio. Ora, i tempi di attesa non vanno oltre i 20 minuti, mentre, prima, oscillavano tra i 60 e i 90”.

CIRFOOD 2

Per quanto attiene allo sviluppo del ricorso alla piattaforma da parte dei fornitori, Trotta afferma: “Nel 2019, porteremo a bordo il restante 20% degli ordini ed estenderemo questa best practice ad eventuali nuovi magazzini che decideremo di aprire in Italia, uniformando il tutto al magazzino centrale di Reggio Emilia”.

Infine, Gerolimon conclude, riferendosi ai vantaggi estesi non soltanto per CIRFOOD, ma anche per fornitori e vettori: “Sapere con precisone quando il mezzo è giunto a destinazione e, soprattutto, conoscere in tempo reale i tempi di scarico è un win-win, un duplice vantaggio di comunicazione e di informazione”.


Marco Mancinelli

Slide background

PUBLISHING

4.0

MEDIA

experience