Stampa questa pagina
Per Passepartout, 30 anni tra software e innovazione permanente

Per Passepartout, 30 anni tra software e innovazione permanente In evidenza

Vota questo articolo
(3 Voti)

In occasione del recente evento Passwor[l]d, la software house Passepartout, con sede presso la Repubblica di San Marino e operante in tutto il territorio italiano, ha festeggiato i suoi 30 anni di attività, evidenziando sia significativi numeri in crescita e sia un approccio costantemente rivolto al futuro.

Ad oggi, Passepartout annovera più di 27.000 clienti per un totale di 80.000 utenti attivi sui propri software gestionali. Il cospicuo canale commerciale è composto da 258 partner che, a Riccione, durante gli ultimi due giorni dello scorso Maggio, hanno danno vita a un’intensa convention insieme ai 167 dipendenti dell’azienda.

Barbara Reffi Amministratore Delegato di Passepartout

Stilando un bilancio relativo ai risultati raggiunti e, soprattutto, riferendosi alle nuove solutions lanciate sul mercato nel settore retail, Barbara Reffi, Amministratore Delegato di Passepartout, ha sottolineato: “Oggi, gli acquisti effettuati dai clienti del retail non sono più di impulso, ma ragionati. Contrariamente a quanto in molti credevano, l’on line non ha sostituito lo store fisico, dove il contatto con il cliente crea legami imprescindibili. Da qui, deriva la necessità di realizzare un’integrazione omnicanale imprescindibile per offrire un’esperienza completa di acquisto ai clienti. Ma, per riuscirci al meglio, servono software evoluti, strumenti ad hoc in grado di fare analytics, casse e POS intelligenti”.

Stefano Franceschini Presidente di Passepartout

A sua volta, Stefano Franceschini, Presidente di Passepartout, ha dichiarato: “Ci aspettano sfide importanti, dal momento che lo Stato, sul versante fiscale, opererà sempre di più a livello digitale come nel caso dello scontrino elettronico. Ed è per questo che noi intendiamo stare al passo con l’innovazione, sviluppando nuove soluzioni”. Passepartout ha lavorato allo sviluppo di una soluzione completa e altamente specializzata per la gestione di tutti gli aspetti riguardanti lo scontrino elettronico, disponibile per la nuova versione del software Retail. Il gestionale, dedicato alle attività di vendita al dettaglio e alla MDO, è interfacciato con i principali registratori telematici certificati per l’invio dei corrispettivi. Nell’elenco in continua evoluzione dei produttori supportati, al momento, sono presenti i seguenti marchi: Epson, AP.ESSE (Axona), Ditron, Custom e RCH.

Nel dettaglio, l’utilizzo di un software gestionale collegato al registratore di cassa telematico consente di risparmiare tempo, eseguendo agevolmente le operazioni più comuni e di avere costantemente sotto controllo la situazione aggiornata di più punti cassa collegati tra loro. La solution Retail permette di gestire con semplicità resi e annulli, di controllare lo stato degli invii telematici in modo centralizzato e, offrendo una garanzia ulteriore agli utilizzatori, di ricevere notifiche tempestive in caso di problemi relativi all’invio telematico.

Oltre a essere particolarmente indicato per la Media Distribuzione Organizzata, Retail è uno strumento altamente efficace per coordinare l’attività commerciale di catene o di negozi in franchising. In particolare, uno dei plus delle soluzioni Passepartout per la vendita al dettaglio risiede nella possibilità di gestire più negozi e, contemporaneamente, più punti cassa, anche telematici. Ogni store è abilitato all’inserimento di nuove anagrafiche e, previa autorizzazione della sede centrale, può condividere le informazioni con la rete: con tale modalità, le fidelity card consentono l’utilizzo delle medesime promozioni in ogni punto vendita della rete.

Evento Passepartout a Riccione 2019

Tra le novità proposte e lanciate dall’azienda sanmarinese, risulta di notevole rilievo quella relativa a PassBill, il terminale per il punto cassa abbinato al software che, affiancando l’offerta retail di Passepartout, è in grado di comunicare con i registratori fiscali telematici di nuova generazione, avvalendosi di un’interfaccia particolarmente semplice e, allo stesso tempo, intuitiva.

Totalmente rivista è stata anche la veste grafica per la gestione dei modelli fiscali in Passcom, dove è possibile immettere i dati direttamente sul modulo ministeriale, con la comodità di poter accedere in qualsiasi momento ai calcoli che sono alla base dei valori ottenuti: in tale ambito, la software house prosegue nello sviluppare soluzioni a supporto dei liberi professionisti e, in modo particolare, per i commercialisti.

Infine, Passepartout ha reso disponibile il linguaggio Javascript anche per PassBuilder, la piattaforma proprietaria di sviluppo dedicata ai partner, ampliando, in questo modo, le risorse per la progettazione di nuove solutions al passo con i tempi e, quindi, con le esigenze del mercato.

Durante la convention riccionese di Passepartout, infine, è stata confermata la volontà votata all’internazionalizzazione dell’azienda, tanto che è in fase di intensificazione la strategia che vede i propri software gestionali per il comparto Ho.Re.Ca. in procinto di approdare con crescente diffusione sia nell’area dei Balcani che in quella del Nord Africa.

Marco Mancinelli