Settimo Cielo Retail Park: Cushman & Wakefield confermata property manager

Settimo Cielo Retail Park: Cushman & Wakefield confermata property manager In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Cushman & Wakefield, player a livello internazionale nel settore dei servizi immobiliari, dopo aver già commercializzato la prima parte di Settimo Cielo Retail Park, aperto nel Dicembre 2011 e ubicato a Settimo Torinese, ha commercializzato anche il nuovo ampliamento e gestirà il complesso nella sua totalità, essendo gestore della struttura già a partire dalla sua apertura.

Con Settimo Cielo, ora, sono 58 gli shopping center e i retail park gestiti dalla società in Italia, per un totale pari 3.300 store e 209 milioni di visitatori all’anno. Nell’ambito del progetto, la proprietà immobiliare è Settimo Sviluppo, promotore e sviluppatore è Promocentro Italia, mentre la progettazione e la costruzione sono state realizzate dal Gruppo Building.

Settimo Cielo, grazie all’ultimo ampliamento, è diventato il parco commerciale più grande d’Italia, con una superficie media affittata complessiva pari a 70.000 metri quadri. Alle 20 insegne del nucleo originario, caratterizzate da medie e da grandi superfici con elevata capacità di attrazione, oggi, si aggiungono altri 40 retailer tra i più importanti specialisti dei settori fashion, casa, elettronica, sport e tempo libero. Un elemento di ulteriore qualificazione sarà fornito dalla nuova food court, con unità di ristorazione che vanno dal fast e dallo street food fino al servizio al tavolo.

Roberto Marchetti, Head of Retail Leasing di Cushman & Wakefield, ha così commentato: “La forza e il successo di Settimo Cielo sono garantiti da tre fattori determinanti: la location all’incrocio di importanti assi viari, la presenza di category killer che esercitano una forza attrattiva ultraregionale, un mix merceologico ampio e profondo, con una concentrazione di medie e grandi superfici che non ha riscontro presso alcun competitor e che aprirà full let. Oggi, il Parco ha la capacità di estendere ulteriormente il proprio raggio di attrazione, sia in termini geografici che di profilo di clientela”.

Slide background

PUBLISHING

4.0

MEDIA

experience