Per gli anticipi di fattura, Gruppo Pam sceglie la start-up digitale PlusAdvance

Per gli anticipi di fattura, Gruppo Pam sceglie la start-up digitale PlusAdvance In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

È la start-up digitale PlusAdvance la società scelta da Gruppo Pam per il servizio di pagamento delle fatture ai suoi fornitori in cambio di uno sconto.

La dicitura “Pago subito, se mi fa uno sconto” è la dinamica da sempre prevista nella filiera distributiva: il servizio fornito dalla start-up marchigiana rende, di fatto, superflua qualsiasi interazione diretta tra le parti nei caso di richieste di anticipo. Nel dettaglio, PlusAdvance è la prima piattaforma digitale italiana per lo Sconto Dinamico (Dynamic Discounting) e rappresenta una novità nell’ambito FinTech per fare incontrare domanda e offerta in modo automatico: da una parte, il cliente, che mira a ottimizzare i propri acquisti e, dall’altra, il fornitore con carenza di liquidità che vorrebbe incassare quanto concordato in anticipo sulla tempistica stabilita.

La piattaforma, quindi, mette in contatto le due parti tramite un meccanismo di asta: è il fornitore a segnalare nel sistema la fattura o le fatture per cui desidererebbe un pagamento anticipato, impostando lo sconto che egli stesso è disposto a concedere. Mese dopo mese, invece, è il cliente a decidere quanta liquidità investire in tale meccanismo, indicando lo sconto che intende ottenere come corrispettivo e passando, quindi, al sistema le fatture validate e considerate corrette. L’algoritmo sviluppato realizza il matching tra le diverse esigenze e identifica le fatture per le quali il pagamento può essere anticipato.

Massimiliano Gattari, Founder di PlusAdvance, illustra il servizio basato sulla piattaforma digitale: “Si tratta di un meccanismo win-win che offre vantaggi sia al cliente che decide di investire liquidità e sia al fornitore che ricerca maggiore flessibilità nella gestione del capitale circolante e che, di volta in volta, senza alcun vincolo, può decidere se e in quale misura operare”. Lo stesso Gattari, inoltre, riferendosi alla collaborazione con Gruppo Pam, dichiara che, dopo l’esito positivo dei test effettuati durante il 2018, l’operatore della GDO, per il 2019, mira a estendere lo strumento ai suoi 2.500 fornitori.

Slide background

PUBLISHING

4.0

MEDIA

experience