Vola l’e-commerce europeo dei prodotti grocery

Vola l’e-commerce europeo dei prodotti grocery In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Stando ai dati del recente rapporto Nielsen “Future opportunities in Fmcg e-commerce”, a livello mondiale, le vendite on line di prodotti di largo consumo stanno crescendo quattro volte più velocemente rispetto a quelle off line.

Il report prende in esame 34 mercati e un panorama estremamente mutevole, al tempo stesso, influenzato da fattori macroeconomici, sociali e di crescita dell’offerta. A condizionare lo scenario, al 2022, dal lato del consumatore e in particolare, sono la penetrazione degli smartphone, la crescita dei tempi e delle modalità di connessione a Internet, l’on line banking e il potenziamento delle infrastrutture digitali: si tratta di elementi che spingeranno il giro d’affari del grocery on line fino a 400 miliardi dollari (340 miliardi di euro) nell’arco di appena 4 anni.

Anche in Europa, l’immediato futuro si svolgerà sempre di più all'insegna dell’e-commerce, soprattutto, per via delle mutate dinamiche sociali, quali la capacità di bilanciare le ambizioni di carriera con la qualità della vita e la diffusione del lavoro da casa, trend che comportano una forte richiesta di “convenience”, cioè di un assortimento più limitato, ma disponibile con semplicità a tutte le ore. Il 26% dei consumatori del nostro continente utilizza già piattaforme di e-commerce per la consegna a domicilio dei beni di largo consumo. La Gran Bretagna sia attesta al primo posto della classifica con il 6,3% del grocery che è già acquistato on line. Segue la Francia (6,1%), dove la formula del click and collect, presente dall’inizio degli anni 2000, ha reso l’e-commerce un trend di successo. La top 5 dell’Europa occidentale continua con la Svizzera, l’Italia e i Paesi Bassi (rispettivamente, 1,8%, 1,7% e 1,5%). 

In particolare, Nielsen stima che la quota dell’e-grocery in Portogallo (meno dell’1% nel 2017) salirà all’1,6% entro il 2022, per toccare i 366 milioni di euro. Anche nei Paesi nordici presi in esame (Norvegia, Svezia e Danimarca), la propensione verso lo shopping on line risulta molto accentuata e circa il 25% dei consumatori si dicono disposti a fare la spesa sulla rete. In Norvegia, l’incidenza del largo consumo on line passerà dall’attuale 1% al 2,2% entro il 2022, toccando i 577 milioni di euro. Stessa situazione, inoltre, in Europa Orientale (Polonia, Turchia e Russia), dove a distinguersi è la nazione polacca: qui, si prevede un raddoppio (dall’1% all’1,9%) per arrivare a una domanda di e-grocery pari a 542 milioni di euro.

grocery on line

Romolo de Camillis, Retailer Services Director di Nielsen Italia, commenta così i dati del report: “I Paesi del nostro continente dove l’e-grocery è più sviluppato sono accomunati da indicatori sociali precisi: alta media della popolazione, stili di vita sempre più frenetici, urbanizzazione. In queste aree, del resto, le grandi aziende hanno investito ingenti somme nel canale on line. I servizi di e-commerce che si stanno diffondendo permettono, semplicemente, di risparmiare tempo, il che renderà sempre più urgente, per il mondo distributivo, la necessità di sviluppare un’offerta omnicanale”.

Slide background

PUBLISHING

4.0

MEDIA

experience