GDPR: a pochi giorni dal 25 maggio, sono ancora poche le aziende conformi

GDPR: a pochi giorni dal 25 maggio, sono ancora poche le aziende conformi In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Da una recente survey internazionale che ha coinvolto 183 manager di aziende e realizzata da SAS, società specializzata in software e analytics, emerge un significativo ritardo da parte del mondo aziendale sul versante del General Data Protection Regulation (GDPR).

Il dato non può che destare un certo grado di preoccupazione: tra pochi giorni, esattamente il 25 maggio, la nuova normativa sulla protezione dei dati personali sarà direttamente applicabile a tutti gli Stati membri e, stando alla ricerca targata SAS, circa il 50% delle organizzazioni internazionali intervistate si aspetta che il GDPR avrà un impatto rilevante, in particolare, sui progetti di Artificial Intelligence. Nel dettaglio, il 93% dei manager interpellati dichiara che la propria azienda non è ancora totalmente conforme al nuovo regolamento, mentre il 46% delle organizzazioni internazionali intervistate afferma che si aspetta di essere conforme alla normativa quando il GDPR entrerà in vigore il prossimo 25 maggio. Inoltre, il 53% delle organizzazioni europee dichiara di voler rispettare tale scadenza, mentre la percentuale scende a quota 30% per le aziende americane.

GDPR

Nonostante tale gap a livello di tempistica, è proprio dalla ricerca SAS che emerge non soltanto che la maggior parte delle aziende intervistate sta lavorando per adeguarsi alla normativa, ma anche che la maggior parte degli intervistati riconosce che gli sforzi per conformarsi al GDPR non potranno che portare numerosi benefici alle rispettive organizzazioni: infatti, l’84% degli intervistati totali e il 91% di quelli europei ritengono che il regolamento GDPR migliorerà la gestione e l’amministrazione dei dati, il 69% sottolinea anche che esso sarà in grado di aumentare la fiducia tra le aziende e i propri clienti. Quindi, il miglioramento della qualità dei dati, l’accrescimento dell’immagine aziendale e un passo in avanti verso le organizzazioni data-driven risultano essere i più attesi benefici aggiuntivi.

Brad Hathaway, Data Management & Business Intelligence Manager EMEA, Global Technology Practice di SAS, sottolinea: “La richiesta di protezione dei dati personali è quanto mai attuale. Dobbiamo essere sicuri che le organizzazioni siano pronte ad aiutare i propri clienti nel comprendere come i loro dati vengono utilizzati. Per fare questo, le organizzazioni devono coinvolgere tutte le parti operative in un programma a lungo termine relativo alla protezione dei dati personali dei propri clienti”.

Slide background

PUBLISHING

4.0

MEDIA

experience