Stampa questa pagina
Alberto Masserdotti confermato Presidente di FESPA Italia fino al 2020

Alberto Masserdotti confermato Presidente di FESPA Italia fino al 2020

Vota questo articolo
(0 Voti)

Per il biennio 2019-2020, Alberto Masserdotti è stato confermato Presidente di FESPA Italia, l’associazione alla quale aderiscono gli operatori del settore della stampa serigrafica, tampografica e digitale.

L’associazione con sede a Segrate (MI) è l’espressione nazionale di FESPA, la Federazione internazionale che riunisce le 37 rappresentanze locali dislocate in tutto il mondo e con la quale opera in rapporto sinergico. Il rinnovo del mandato presidenziale a Masserdotti, CEO del Gruppo omonimo, avviene sotto il duplice segno della continuità e dell’innovazione: infatti, da una parte, premia i obiettivi raggiunti nel corso del suo primo biennio alla guida di FESPA Italia e, dall’altra, guarda con fiducia al futuro orientando l’attenzione verso temi centrali quali l’internazionalizzazione e le nuove tecnologie.

Nello specifico, si tratta di temi che caratterizzano l’attività stessa del Gruppo Masserdotti, player di punta nel panorama della visualcom e, oggi, tra i protagonisti della trasformazione digitale con il brand Dominodisplay, specializzato in soluzioni Digital Signage, Mobility e Internet of Things. In oltre mezzo secolo di attività, il Gruppo Masserdotti ha intensificato costantemente i propri progetti nell’ambito dell’innovazione digitale.

Tra l’altro, è già stato annunciato l’imminente approdo oltreconfine con l’apertura della vetrina francese dell’e-shop Dominodisplay.com.

Alberto Masserdotti ha così commentato: “L’associazione è un contenitore di competenze diversificate e consolidate con una vision rivolta al futuro del mondo della stampa, dove gli skill specifici delle singole realtà possono interagire per progetti esclusivi. In un mercato sempre più competitivo, FESPA Italia rappresenta una preziosa opportunità di networking tra eccellenze italiane per trovare nuovi fronti di collaborazione e nuovi segmenti di business, mettendo a fattor comune le reciproche specificità e conoscenze”.