Stampa questa pagina
Il brand OM STILL diventa STILL

Il brand OM STILL diventa STILL

Vota questo articolo
(0 Voti)

A partire dall’1 Gennaio 2019, OM STILL cambierà il suo marchio in STILL: in questo modo, si completa l’integrazione iniziata nel 2010 che ha visto OM Carrelli Elevatori confluire all’interno del Gruppo STILL, operatore specializzato nella progettazione e nella produzione di sistemi avanzati per la logistica integrata.

STILL è un Gruppo internazionale con sede ad Amburgo, impiega complessivamente oltre 9.000 dipendenti, annovera 8 stabilimenti produttivi e 286 sedi di vendita distribuite a livello mondiale. Fondato nel lontano 1920, il Gruppo STILL ha saputo imporsi sul mercato per la sua capacità di spingere avanti le frontiere dell’innovazione, sviluppando soluzioni innovative a supporto della supply chain aziendale.

Nel corso degli ultimi cinque anni, il Gruppo STILL ha incrementato del 37% la produzione, chiudendo il 2017 con un fatturato complessivo superiore ai 2 miliardi di euro e con oltre 60.000 carrelli prodotti. L’organizzazione italiana di STILL impiega circa 900 dipendenti diretti e può contare sulla più solida e capillare rete di vendita e di assistenza presente sul territorio nazionale, composta da 6 filiali dirette, oltre che da 60 tra concessionari e partner, 950 tecnici di assistenza e oltre 170 funzionari commerciali.

Angelo Zanotti Amministratore Delegato di STILL Italia

Angelo Zanotti, Amministratore Delegato di STILL Italia, dichiara: “STILL è ovunque nel mondo riconosciuto come un marchio premium e rappresenta l’eccellenza assoluta in termini di qualità, tecnologia, innovazione e livello di servizio. L’adozione del brand STILL ci consentirà di essere ancora più efficaci in un mercato sempre più globale e competitivo, sul quale ci distinguiamo grazie alla qualità del prodotto e del livello di servizio, nonché attraverso l’offerta di soluzioni tecnologicamente all’avanguardia e studiate per generare un reale valore aggiunto al cliente. Ora siamo STILL e siamo pronti per il futuro”.