Risparmiate dall’insegna Sapore di Mare 120 tonnellate di plastica

Risparmiate dall’insegna Sapore di Mare 120 tonnellate di plastica

Vota questo articolo
(0 Voti)

D.I.MAR, player specializzato nella distribuzione di prodotti ittici congelati, presente sul territorio italiano con 100 store a insegna Sapore di Mare, ha stilato un positivo bilancio relativo all’impatto ambientale della propria produzione di preparati a base di pesce sfuso.

L’azienda con sede a Corridonia, in provincia di Macerata, ha reso noti i numeri riferiti agli ultimi 5 anni: dal 2014 al 2018, ha evitato di riversare nell’ambiente 120 tonnellate di confezioni di plastica grazie alla produzione e vendita di pesce congelato sfuso.

Nel dettaglio, Sapore di Mare ha prodotto 11.450 tonnellate di preparati a base pesce congelato sfuso, che ha comportato per il confezionamento un utilizzo di 57 tonnellate di plastica e 572 tonnellate di carta. Se lo stesso quantitativo di pesce fosse stato confezionato in buste o scatole ipoteticamente da 500 grammi, ne sarebbe conseguito un aumento pari al +200% di plastica e al +30% di carta.

Quindi, in controtendenza rispetto alle grandi catene della distribuzione organizzata, l’azienda continua a utilizzare i sacchetti di plastica per poter consentire ai consumatori di riporre il prodotto congelato nei propri freezer a casa, con la garanzia che la referenza stessa possa essere conservata fino a 12/18 mesi e senza alcun pericolo per la salute: infatti, i sacchetti biologici e/o compostabili rischierebbero di deteriorarsi ben prima del dovuto.

L’80% di tali sacchetti pesa appena 4 grammi e può contenere fino a 1,5/2 chili di preparato congelato sfuso, contro un peso medio ipotetico di una vaschetta in plastica di 40 grammi contenente, tendenzialmente, soltanto 500/600 grammi di prodotto.

Slide background

PUBLISHING

4.0

MEDIA

experience